SEGRETI IN UN CASSETTO

Prospettiva, Maremma -vicino a Saturnia 2014
Prospettiva, Maremma -vicino a Saturnia 2014

Scoprire un cassetto segreto in un mobile, aprirlo e trovarci dentro una lettera nascosta. Girare un quadro appeso al muro e scovare un MESSAGGIO inaspettato, scritto dietro alla tela. E’ una sorpresa mozzafiato se ad averlo scritti è stato qualcuno che ora non c’è più.

Ed eccone UNO, scritto con un pennarello nero, a lettere morbide e in stampatello minuscolo dietro a uno specchio. “Anche se (nella vita) non ci sarà un lieto fine, quello che conta è la storia. Sii felice e grato perché esisti. Ogni giorno è speciale, perciò vivilo a pieno perché non si sa mai cosa ti potrà succedere. Fai il più possibile. Dai il massimo ogni giornoLa vita è cattiva solo se tu la rendi così. La differenza tra ordinario e straordinario in fondo è solo un piccolo extra.” 3000 parole scritte in segreto prima di morire, da Athena Orchard, una ragazzina inglese che a soli 13 anni se n’è andata alla fine di maggio del 2014 a causa di un tumore. Un messaggio di speranza, coraggio e felicità che ha lasciato ai suoi genitori e ai fratellini. Lo hanno scoperto dietro il lungo specchio della sua camera da letto solo dopo la morte. Una raffica di parole.

Scala solare, Carmignano  2014
Scala solare, Carmignano 2014

Ed eccone UNO, scritto con penn &calamaio, un corsivo veloce e poi lasciato in un cassetto segreto. “Raccomandate ai vostri figli di essere virtuosi; perché solo la Virtù può rendere felici, non certo il denaro. Parlo per esperienza. È stata la virtù che mi ha sostenuto nella sofferenza. […] alcune esperienze di vita mi hanno portato sull’orlo della disperazione e io lo debbo alla Virtù e alla mia Arte, se non ho messo fine alla mia vita. […] Andate d’accordo e aiutatevi reciprocamente. […] Addio, ma non dimenticatemi del tutto dopo la mia morte. […] Siate felici!” Frammenti di un manoscritto di Beethoven, del 1802. Malato e umiliato per l’inesorabile sordità, costretto all’isolamento per via della malattia, scrive un testamento spirituale e materiale per i suoi fratelli, ma la lettera non fu mai spedita. Fu ritrovato in camera sua in un cassetto segreto della credenza. Qui, Virtù e Arte le parole chiave della felicità.

Duecento anni di Storia non separano Due testamenti. Due inni alla Vita, nonostante tutto. Nonostante la malattia inarrestabile o la certezza della morte.

C’è molto da imparare, se una ragazza atletica e bella lotta contro la malattia rimanendo positiva fino all’ultimo dei suoi giorni, se un uomo arriva a comporre l’inno alla gioia, la sua opera più celebre, anche quando completamente sordo . Finchè c’è vita c’è speranza, c’è storia, c’è gioia.

“Nella vita non conta camminare sulle acque o sul fuoco,
il miracolo è RISVEGLIARSI,
il resto sono tutte sciocchezze.”
Osho
decsotruttivismo, Maremma - sulla via verso Talamone 2014
decsotruttivismo, Maremma – sulla via verso Talamone 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...