Scie chimiche

scia sul rio grande, Maranhao, Brasile 2004

Penso alla piccola FRIDA, una bagnarola gialla ormeggiata da anni sotto il ponte levatoio di Viareggio . E’ lì, forse da una vita. Tutte le volte che passeggiando arriviamo davanti al molo spero di non trovarla e invece c’è ancora, piazzata nella stessa posizione. E questo mentre una canoa celeste si avventura nelle acque torbide del Rio Negro in Brasile e un motoscafo si lascia dietro una scia di schiuma infinita nella laguna di Venezia. E poi ritorno a Frida, che non si è mossa di un centimetro. E se adesso vai  a Viareggio, è sempre là.

frida viareggio
Frida, Viareggio, 2013

Ma veniamo a noi. C’è chi si lascia dietro rotoliregina di menate e chi un chilometro di profumo. Chi non muove una foglia e non lascia niente per paura che qualcuno glielo rubi. Chi resta ormeggiato allo stesso molo per decenni, senza la minima intenzione di avviare il motore e venirti incontro se non ne ha bisogno. Ecco, lasciamo perdere.

scia venezia
Scia, Venezia, 2012

Io invece penso a chi lascia una scia spumosa che ti resta dentro, senza che nessuno glielo abbia chiesto. Penso a questo genere di persone, e alla leggerezza del loro passaggio che disegna il cielo, la terra e soprattutto le acque melmose in cui ci troviamo a navigare. APRIRSI significa lasciarla una scia, lasciare qualcosa agli altri.  Di vero. Un segno che sia nostro. Questa è l’arte di vivere. Dare vita ad immagini e parole e gesti che altri non possono togliersi dagli occhi perché hanno quella forza profonda di risuonargli nei pensieri.

Accendiamo i motori senza aspettare il vento favorevole o qualcosa in cambio. Non nascondiamoci sotto un ponte o nell’etichetta voluta da qualcun’altro. Il segno del nostro passaggio è minuscolo e sottile, ma forse sarà la rotta che seguirà qualcun’altro. Lasciamo scie del nostro vivere quotidiano. Che siano quanto di meglio possiamo lasciarci alle spalle.  Nell’aria si disegnano legami che ti portano dalla parte giusta e spingono lontano. Di ogni piccolo gesto può rimanere un riflesso da qualche parte. Ma solo se lo vogliamo. E poi ripenso alla piccola Frida, e a quel giorno chissà, quando ci saliremo sopra, e dopo aver attraversato il canale, la porteremo insieme in mare aperto.
Scia (chimica?) , Nizza, 2013
Scia (chimica?) , Nizza, 2013
Per le altre scie chimiche, ecco wikipedia.
Mentre FRIDA vuol dire anche molto altro.
Frida, Moma, NY, 2012
Frida, Moma, NY, 2012
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...